DIGITARE LA PASSWORD PER CONTINUARE

Powered by responsive-muse

 

logo ASD PerroAcademy

COMUNICAZIONI AI SOCI

10.04.2018

Campionato Italiano di Tai Ji Quan

È intenzione dell’Academy partecipare, entro il 31/12/2019, a uno dei Campionati Italiani di Tai Ji Quan. Sto cercando di capire come sono organizzate tali manifestazioni, da chi dipendono, ecc. (se qualcuno di voi ha tempo e voglia di aiutarmi in questa ricerca in rete, lo può fare).

 

07.07.2018

Collaborazione con “La Cabina dell’Arte Diffusa”

Qualcuno di voi sa che già da qualche anno collaboriamo con “La Cabina dell’Arte diffusa” in occasione di manifestazioni artistiche in Piazza Peyron (dove si trova La Cabina). In particolare, abbiamo partecipato con loro alcune volta alla “Giornata del Contemporaneo” con esibizioni di Tai Ji Quan nei primi due fine settimana di ottobre.

Qualche giorno fa io e Maurizio siamo andati a discutere della prossima stagione con Daniele D’Antonio della Cabina e abbiamo ipotizzato con loro tre appuntamenti:

Domenica 8 luglio

In piazza Peyron, la loro associazione festeggia il rinnovo della concessione comunale per La Cabina. Ci troviamo con loro a partire dalle 11 del mattino e facciamo una nostra esibizione.

Sabato 29-Domenica 30 settembre

In questi due giorni si svolgerà Accaatelier, una manifestazione di artisti che si tiene da alcuni anni e che ha ormai una certa rilevanza. Saremo ospiti della Cabina in Piazza Peyron, con orari da stabilire (si potrebbe fare la sera di sabato e, volendo, la domenica mattina). Qui vorremmo fare una cosa studiata, con una certa valenza artistica anche dal punto di vista visuale e non solo delle arti marziali. Le prime idee abbozzate con Daniele sono queste:

Praticare la prima forma lunga nello spazio a lato della cabina

Usare una musica di sottofondo, se possibile con musicisti che suonano dal vivo (come avevamo già fatto qualche anno fa con Camilla e Sara al violino e al violoncello)

Inserire degli effetti luminosi (faretti che illuminano il gruppo, oppure bracciali i luminosi da indossare durante la pratica)

Servizio fotografico da parte di Daniele e degli altri fotografi professionisti de La Cabina.

Faremo qualche prova, sia tra di noi, sia con Daniele, prima dell’esibizione.

Novembre 2018

Ci sarà una mostra d’arte alla sede del MAU (Museo di Arte Urbana - www.museoarteurbana.it) di Via Rocciamelone 7/C. Noi potremmo aprire la mostra con una esibizione di Tai Ji Quan davanti alla sede (anche qui l’unica esibizione possibile è probabilmente la prima forma lunga, perché gli spazi sono limitati e anche qui conviene andare a fare una prova in anticipo).

Altre manifestazioni

Molto spesso La Cabina organizza piccole manifestazione (esposizione di qualche quadro o scultura, lettura di poesie…) la domenica mattina, sempre alle 11. Qualunque volta volessimo unirci a loro, avvisiamo Daniele e in linea di massima si può fare.

07.07.2018

Situazione soci al 30 giugno 2018

Pubblico la situazione soci al 30 giugno 2018.

 

03.06.2018

Lezioni estive di Tai Ji Quan

Come qualcuno di voi sa, l’anno scorso abbiamo tenuto le lezioni estive del giovedì sera presso l’Housing Giulia di Via Cigna 14/L a Torino. Poiché ci eravamo trovati bene, abbiamo riproposto anche per quest’anno un progetto simile all’Housing Giulia. Ho inviato il progetto per due volte tramite mail e ho chiamato telefonicamente una decina di volte, senza avere nessuna risposta.

Preso atto della situazione, decido perciò che le lezioni estive si svolgeranno nei parchi pubblici o in altri spazi analoghi. Sceglieremo una volta a testa dove fare lezione, tenendo in considerazione tutti gli spazi utili della Circoscrizione 4; come parchi abbiamo quindi a disposizione La Tesoriera, La Pellerina e Parco Dora (limitatamente all’ingresso da Corso Svizzera che è al limite della Circoscrizione).

Per le prime due lezioni di giugno (giovedì 7 e giovedì 14) scelgono il posto Milena a sua mamma (hanno già confermato Parco Dora). Per la lezione del 21 giugno sceglie il posto Paola, per quella del 28 tocca a Laura. Per le lezioni del 5 e 12 luglio la scelta tocca a Rosa e Maurizio.

L’orario sarà dalla 19.00 alle 21.00. Attrezzatevi di antizanzare.

 

20.07.2018

Seminario a Rapallo

Pubblico la locandina dello stage di Rapallo (GE) del 4 e 5 agosto 2018. Per ora siamo iscritti io, Gabriele, Laura Perro, Maddalena e Flavio. Confermata la presenza del gruppo di Bergamo del Maestro Bartolommei. Confermata la presenza di Firenze (Giovanni e Orietta) e di Pistoia (Graziella e Riccardo). Attesa conferma dal gruppo di Varese e dal gruppo di Reggio Emilia (Maestro Marmiroli). Se qualcuno/a vuole aggiungersi me lo faccia sapere.

Oltre a quanto segnato in locandina, nella giornata di sabato 4 si terrà una commemorazione della figura del Maestro Shin Dae Woung, in occasione del secondo anniversario dalla sua scomparsa.

 

20.07.2018

Conferenza al MAO

Il Museo di Arte Orientale di Torino ci segnala la seguente conferenza

IL BUDDHA E GLI DEI. Echi di tradizioni religiose, racconti e riti brahmanici nell’arte del Gandhāra - Conferenza di Laura Giuliano - Mercoledì 25 Luglio 2018, ore 18

 

Laura Giuliano - curatore per il Gandhara, l’India e il Sud-Est Asiatico del Museo delle Civiltà - guiderà il pubblico del MAO alla scoperta dell’arte buddhista del Gandhāra affrancandosi dalla visione eurocentrica, diffusa a tutt’oggi, che ne ha esaltato le componenti occidentali, che da sole tuttavia non restituiscono la dimensione autentica di questo fenomeno figurativo, trascurando tutti quei caratteri riconducibili alla tradizione locale, e più specificatamente al fondo culturale indiano.

L’arte buddhista del Gandhāra fiorita nei primi secoli dell’èra cristiana nelle aree degli attuali Pakistan settentrionale e Afghanistan orientale è caratterizzata dalla compresenza di influssi classici, indiani, iranici e centroasiatici, composti in una sintesi originale di linguaggi formali, simbolici e filosofici.

Quando per un attimo ci si alieni dalla consuetudine a percepire i parametri dall’estetica classica, il Gandhāra ci appare in realtà intriso di ‘indianità’, non solo, ovviamente, per il contenuto buddhista, che di quest’arte costituisce l’essenza, né solo perché in alcuni casi tratti stilistici e soluzioni figurative rimandano all’estetica dell’India centrale, ma soprattutto perché sui rilievi compare l’affresco di una società cosmopolita di cui vengono ritratti abitudini e costumi religiosi che spesso sono profondamente indiani. Questa componente dell’arte gandharica può essere riconosciuta ad esempio nelle immagini di divinità locali che poi emergeranno nel brahmanesimo e che qui divengono accoliti del Buddha, nelle rappresentazioni di rituali brahmanici o in dettagli figurativi che testimoniano una sovrapposizione tra alcuni episodi della leggenda buddhista e storie narrate nell’epica indiana. Adottare una prospettiva differente da quella diffusa, ci consente di intravedere un altro Gandhāra, un’arte in cui si fondono esperienze culturali diverse e ove le componenti locali e indiane giocano un ruolo essenziale, permettendo di approfondirne la conoscenza.

Ingresso gratuito alla conferenza fino esaurimento posti disponibili.

logo ASD PerroAcademy
freccia

Copyright 2012-2018 Mauro Perro – All rights reserved.